Chi è Marco Marzaduri

Il Dottor Marco Marzaduri è un professionista esperto in innumerevoli campi della psicologia. Egli ha più specializzazioni: psicologo, psicoterapeuta e ipnotista ed inoltre esercita un tecnica sperimentale chiamata dell'ipnosi regressiva. Per ciò che concerne la formazione di Marco Marzaduri non si può non citare la laurea all’Università di Bogotà, ottenuta nel 2016 alla facoltà di Psicologia Clinica. Rimanendo nella stessa città sud americana americana ha ottenuto una certificazione per l’utilizzo dell’ipnosi terapia.
Per concludere il suo percorso formativo nel 2017 si è recato a Malta e ha conseguito la laurea in Psicologia equiparata al fine di approfondire ulteriormente i suoi studi secondo un’ottica più europea.


Chi è l'ipnoterapeuta

L’ipnoterapeuta è colui il quale utilizza la tecnica dell’ipnoterapia al fine di risolvere situazioni determinate utilizzando esclusivamente l’inconscio ed il potere di agire su esso. L’ipnoterapia sfrutta lo stato dell’ipnosi, cioè uno stato definito come fisiologico in cui le persone entrano anche più volte al giorno a volte senza nemmeno rendersene conto.

Per semplificare il concetto si può dire che è come se esistessero due parti nella mente. Queste possono essere identificate come conscio e inconscio. Tra esse vi è quella che viene chiamata soglia critica. Essa è il filtro attraverso cui si codifica la realtà e la società ed è stata formata negli anni della vita e della crescita. Non è un caso che spesso quando si spiega cosa sia lo stato ipnotico si vada a paragonare questo stato psicologico al modo di essere di un infante. Non avendo alcun tipo di soglia critica il bimbo non possiede ansie o sentimenti di inadeguatezza rispetto ad alcuni concetti imposti col tempo dalla società.

Il ruolo dell’ipnoterapista è quello di andare ad abbassare il più possibile la soglia critica affinché il paziente lasci prevalere la parte inconscia, quest’ultimo così facendo ha la possibilità di essere totalmente sincero ed esternare le vere cause dei problemi che lo affliggono. Con una soglia critica molto bassa l’ipnoterapeuta è in grado di andare a lavorare per il rafforzamento della personalità del paziente e nei casi più gravi può risolvere patologie e disturbi i di natura psicologica e psicosomatica. Infatti, si instaura un rapporto molto particolare tra ipnoterapeuta e paziente, poiché vi deve essere il più puro sentimento di fiducia a legare questi soggetti. Il paziente si abbandona completamente in quel momento di trance diventando totalmente vulnerabile. Ma è proprio grazie a questo lasciarsi andare che l’ipnosi è davvero efficace.

Cos'è e come funziona l'ipnositerapia

L’ipnosi è una delle tecniche più all’avanguardia degli ultimi secoli. Essa è stata sviluppata da Freud alla fine del diciannovesimo secolo e successivamente, grazie a studi specifici nel settore, è diventata una tecnica utilizzata quotidianamente dai professionisti specializzati per curare disturbi psicofici. L’ipnosi terapia serve a portare il paziente in uno stato di totale rilassamento e disinibizione psicologica in cui deve prevalere la parte inconscia. Infatti la mente umana è composta da un parte conscia ed una inconscia, in mezzo ad esse vi è quella che viene chiamata soglia critica

Nella vita comune gli uomini utilizzano prevalentemente la parte conscia. La soglia critica ha un ruolo fondamentale per codificare e capire i concetti della realtà, essa si evolve col tempo attraverso gli stimoli che una persona raccoglie nella propria vita ed è proprio attraverso questa soglia che si critica se stessi e i propri comportamenti. Il compito fondamentale dell’ipnosi è rendere meno efficace la soglia critica e, grazie ad uno strato di trance, agire sulla parte più sensibile e primaria cioè quella inconscia. Questa tecnica viene utilizzata per svariati problemi, sia prettamente psicologici come la depressione sia psicofisici come i disturbi alimentari o per la cura di dipendenze.